Versi e prose

In questa sezione pubblichiamo versi e prose dei nostri soci sostenitori o di nostri corrispondenti.

Ecco una bella poesia di Angela Gatto letta al pranzo di Natale del 16 dicembre 2017

                 

                           D'Amuri...


Illu è llà


cumu 'mpetratu


para c'ha ppersu 'a
ntisa.


 


Dintra  na ruga


supra nu scaune


capu e ghinocchie


nu maccaturu 'n manu.


 


L'occhiu spirdatu


cumu dopo nu 'nzurtu


a na bannella


nu muzzellu 'e panni.


 


Allampa, trona


sonanu 'e campane


de menziurnu


e nu 'mpernu de vuci


'e cuatrarelli


arrussicati 'e friddu


e dde sudure.


 


Illu è llà


cumu 'mpetratu


para c'ha ppersu 'a
ntisa.


 


Senta suamente


nu pisu alla catrea


ppe ttutte l'arrancate


ppe quanti sacchi 'e rina


ha carricatu


ppe quante  tumminate


'e mattuni s'è 'mpesatu.


 


Nu caniciellu fituso


e senza piu


s'arrunchia, se stennicchia


li si 'mpruscina 'n collu


e nun 'u  uassa !


 


Illu è llà


cumu 'mpetratu


para c'ha ppersu 'a
ntisa.


 


Senta suamente


'e tante vuci sue


chille ca dintru 'u core


ncignanu a parrettiare.


 


'U 'nsunnu vuci citte


su vuci gridazzare


ca iettanu nu chiantu


mai chianciutu.


 


Su vuci ardenti


c'avvampanu 'e duure


ppe' cumu n'amure


sinne mora


ancora, ancora prima


de 'ncignare.


 


... ... ...


 


Ninnella, duce e ghianca


cumu na Santa Barbara


all'altare


occhi ca ùcianu


cumu canniue


vucca c'addura


de cira, de 'ncensu


e dde iurilli 'e maju.


 


... Chillu vasu


arripati a nnu pagliaru


mmenzu a 'nnu campu 'e granu


era dd'estate


e llu sue 'ncazzunìa


a llu mirare.


 


Chillu vasu suamente


suamente chillu vasu.


Chillu !


Cum'era dduce.


 


Illu è llà


cumu 'mpetratu


para c'ha ppersu 'a
ntisa.


 


Senta chillu sapure duce


de' uabbrruzze


de chilla verginella


ca tremava


de passione tutta nova


e scantattizza.


 


Senta chillu core ca vattìa


chilla frunte 'mperlata de sudure


chilli suspiri cavudi d'amure.


 


Pue, tutt'a na vota


si nn'è iuta


tremannu  fuiennu
'ncespicannu ...


 


... Ma prima cci'ha 'nzaccatu


'ntra sacchetta


na busta ccu nnu core disegnatu.


 


Era na uittarella


'e quattru righe


ca scuàva d'amure


cumu meue.


 


Ue cuntava l'anticu bbene suu


mplurannuce perdono


ppe llu duvì uassare.


 


A na rasilla


mbasciu 'a lla cartuzza


nu vasillo azziccatu ...


... dopu s'essere pittata


'u mussu 'e russu


ccu lla carta veuina cuurata.


 


Illu è llà


cumu 'mpetratu


para c'ha ppersu 'a
ntisa.


 


... e nun s'avventa


c'ormai chiova a 'lle 
fulle.


 


Ma i sensi 'e ttena !


 


Caccia 'dda sacchettella


'a uitarrella fatta gialla


du tempu ch'è passatu


'a rapa


'a stenna


e l'arripa supa nu spuntune.


 


Chiova assai.


Chiovanu gucce amare


cumu uacrime senz'occhi


cumu gridi disperati


senza vuce.


 


Chiova, chiova assai.


Chiovanu gucce antiche


supra i penzeri


supra i ricordi 'e tannu


e supra 'a uittarella


du spuntune


ca 'ppe tant'anni


s'avìa stipata.


 


Chiova, chiova assai.


Chiova supra


'u 'nchiostru de' paroe


supra 'e vocaue



e supra 'e consonanti ...


 


... Supra chillu vasillu russu


de chilla uittarella


de chilla cuatrarella


duce e ghianca


cumu na Santa Barbara


all'altare.


 


Illu è sempre llà


cumu 'mpetratu


para c'ha ppersu 'a
ntisa


e chiancia chiancia
chiancia


mentre chiova chiova
chiova...


 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


D'Amore ...


 


Lui è là


come paralizzato


sembra aver perso
l'udito.


 


Dentro un vicolo


seduto su uno scalino


'testa e ginocchia'


un fazzoletto in mano.


 


L'occhio spaurito


come dopo un malore


in un angolo


un mucchietto di indumenti.


 


Fulmini e tuoni


suonano le campane


di mezzogiorno


in un inferno di voci


di bambini


rossi di freddo e di sudore.


 


Lui è là


come paralizzato


sembra aver perso
l'udito.


 


Sente soltanto


un peso sulla schiena


per tutte le fatiche


per quanti sacchi di sabbia


ha caricato


per quante tonnellate di mattoni


ha portato sulle spalle.


 


Un cagnetto sporco


e senza pelo


si accartoccia, si stende


 gli si avvolge sul
collo


e non lo molla.


 


Lui è là


come paralizzato


sembra aver perso
l'udito.


 


Ode soltanto


le tante voci sue


quelle che dentro il cuore


prendono a mormorare.


 


Non sono voci silenti


sono voci che urlano


e che versano un pianto


mai pianto.


 


Sono voci ardenti


che avvampano di dolore


per come un amore


se ne muore


ancora ... ancora prima


 di iniziare.


 


... ... ...


 


Ninnella, dolce e bianca


come una Santa Barbara


all'altare


occhi che brillano


come candele


bocca che profuma


di cera, d'incenso


e di fiori di maggio.


 


... Quel bacio


poggiati ad un granaio


in un campo di grano


era d'estate


e il sole stordiva


anche a guardarlo.


 


Quel bacio soltanto


soltanto quel bacio.


Quello !


Com'era dolce !


 


Lui ora è là


come paralizzato


sembra aver perso
l'udito.


 


Continua a sentire


 quel sapore dolce delle
labbra


di quella verginella


che tremava


di passione tutta nuova


e di paura.


 


Sente quel cuore che batteva


  quella fronte
imperlata di sudore


quei sospiri roventi d'amore.


 


Poi ...  d'improvviso


decide di andar via


scappando


e incespicando nella fuga ...


... ma non prima


di avergli messo in una tasca


una busta


 con un cuore
disegnato.


 


Era una letterina


di sole quattro righe


che colava d'amore


come miele.


Gli raccontava


di quell'amore primitivo


implorando il suo perdono


per essere costretta


ad un addio.


 


In basso, a un angolino


della lettera


un bacio rosso stampato


dopo essersi dipinta le labbra


 con la carta velina
colorata.


 


Lui è ancora là


come paralizzato


sembra aver perso
l'udito.


 


... Sembra non accorgersi


che ormai piove furiosamente.


 


Ma i sensi non lo abbandonano.


 


Toglie dalla tasca


la letterina ingiallita dal tempo


la apre


la stende


e la poggia


 su uno spuntone di
pietra.


 


Piove tanto


piovono gocce amare


 come lacrime senza
occhi


come grida disperate senza voce.


 


Piove. Piove tanto.


Piovono gocce remote


sopra i pensieri


sopra i ricordi di allora


e sulla letterina


stesa sullo spuntone


che aveva conservato


per tanti anni.


 


Piove. Piove tanto.


Piove sopra l'inchiostro


di quelle sue parole


sopra le vocali


e sulle consonanti ...


 


... Sopra quel bacio rosso


di quella letterina


di quella fanciullina


dolce e bianca


come una Santa Barbara


all'altare.


 


Lui è sempre là


come paralizzato


sembra aver perso
l'udito


e piange con la pioggia
...


 



 


 




 


 


Ecco alcune delle poesie lette dai nostri soci durante il pranzo di Natale del 20 dicembre 2016

NATALE 2016.pdf

Pubblichiamo alcuni degli interventi dei nostri soci alla Serata di lettura collettiva del 10 novembre 2014

-Lettura collettiva del 10 novembre 2014.pdf



Pubblichiamo una bella pagina di Ciccio De Rose per la scomparsa di Totonno Chiappetta


                            In ricordo di Totonno Chiappetta

La morte sta dentro di noi sin dalla nascita . La teniamo prigioniera perché sappiamo

che la sua libertà coincide con la nostra fine .

Ci preoccupiamo , perciò , di nun ci dari 'u scasuni per farla uscire
, ma non c'è nulla da fare . Ci tratta come un alimento in scadenza sul quale
c'è scritto : consumare entro la data del...

E la tua nemica , la morte , ha trovato 'u scasuni per scappare da
dentro di te , dal tuo cuore , avendo intuito che era la parte più fragile
perché con la tua arte lo mettevi sempre a disposizione del buon umore , della
allegria ; in un momento di distrazione , t'à fricatu .Lei , malanova sua , aveva
programmato e ti aspettava al varco . Avremmo voluto che fossi qui in questo
momento perché tu , calamita di vita gioiosa , potessi ancora regalarci sorrisi
; invece , il 16 dicembre 'n'à fattu chiangia  . La Fede ci dice che ora hai
guadagnato una scena eterna , un teatro tutto per te in Paradiso anche se chi ,
lucidamente razionale , si priva di questa consolazione che è la Fede . Di
fronte alla morte siamo tutti nudi , indifesi , disperati . Come ci piacerebbe
credere in un Paradiso delle anime , come ci darebbe piacere una pace che qui
non abbiamo mai guadagnato e tu ci provavi recandoti nei luoghi dove i più
sfortunati ti aspettavano per ricevere conforto e sorriso .

Caro Totonno , dopo i tanti che non ono più tra noi e che non incontreremo mai più come i cari

Vincenzo Zicarelli e Gianfranco Aloe che abbiamo ricordato , anche per te la terra è diventata
lieve . Ci restano per fortuna , le tue immagini , la memoria del tempo passato
, la tua arte , il sorriso contagioso , la tua gioia di vivere malgrado sapessi
più di tutti che 'a disgraziata t'appustava . Eri un cultore del parlar
materno
che racchiude in se le nostre radici e i colori del nostro dialetto
Grazie per l'arricchimento che ci hai regalato faremo in modo che non si
disperda , lo custodiremo gelosamente e lo trasmetteremo alle nuove generazioni
.

 

                                      A  TOTONNU

 

Totonnu  'n'à  lassatu ,

'a  favuce  s'à 'mpesatu ,

ma  iddru  nun s'è  spagnatu

 

'nu  fattarieddru  l'à cuntatu .

Caminannu  ppi  ra  vìa

'a  maliditta  'li dicìa :

 

tieni uocchi  curmi  'i  chiantu ,

sacciu  ca sienti  lamientu ,

ma tu  à  lassatu vantu .

 

Pua , l'à  spunutu  chianu chianu ,

l'à dittu : Totò , adduvi  jamu

'n'atra  vota 'ni  scialamu...


19 dicembre 2014




Pubblichiamo la poesia della nostra socia ordinaria Angela Gatto, vincitrice del 3° Premio al Concorso Poetico 'Pane Olio Vino' tenutosi ad Altomonte nel corso dell'omonima manifestazione.


πμπτη οσα 


Quintessenza (patriottica)


Velate ed impalpabili

Sfarino sulla madia

 Le polveri nivee

Di Demetra nutrice

Pronte ad accogliere

Tiepidi e generosi lieviti.


 Afrosa e calda

Accoglie

la mia pagnotta

il filo d'olio gentile.

Vergine condimento

Delle virenti drupe di Atena.


Mitico parto  

della cagna di Oresteo

Accoglie il gotto

Amabile vino fiorito.


 Si va popolando

 La mia tebaide.

La mia solinga,tacita,

Romitica attesa.


 ∞   ∞   ∞


 Al verde delle olive

Al bianco delle farine

Al rosso delle uve

Dev'essersi ispirato il Tricolore.



Io alfiere, io
vessillifero.


 


Dedicata


A quanti sono convinti

Che l'innocenza ha pochi fratelli

Che l'amore ha pochi compagni.







Ecco una poesia di Maria Rosaria Marra e un'altra di Pasquale Filippelli : complimenti, la poesia è di famiglia!



Su'stracquàt' i juri marin'

Mi lass' annacà e ngiungiulià duci duci da
l'unn'

ca ianch' schiumìjn' e arrivn' arraggiàt'

alli mass', misi llà ppi salvà 'a cost',

ca da semp' 
cummòglid' 'u mari

e lli vicìll' vùlun' assùp' ndu cil'

arravugliàt' di nùvul' ca van'

addùv' pònid' 'u suli, vers' chilla lìnia

ca non finìscia mai.

'U
cil' è 'na cupèrt' di curàll'

sup' 'a cap' mia e mi caudìa

d' 'u vint' fridd' di luntàn'.

Alla ntrasàtt' cumpàrid' 'na luci

e attùrn' attùrn' si spann'

l'addùr'
fort' d' 'u mari.

L'unn'
amminazzùs' s'arravòglin'

e pàssan' 'u
purticìll' stracquànn'

sup' 'a rina 'na spasèr' di simintèll'

e juri marin', varchicèll' trasparènt'

di culùr' viol', e tutt' a 'na vot'

mi truv' cumi ppi 'ncant' a Diamant',

addùv' guagliunèlla ngènua d' 'a vit'

mi chjicàv' a cogl' chilli juri

ca mi su' rimast' 'mpress'

'nda ment' e 'ndu cor'.


Maria Rosaria Marra


(dialetto di  Diamante)




'U  pòviru scarpàru




Dicìva  'nu  scarpàru

ca  m'era  caru caru:

mìttiti  bbeni 'ntesta,

puru  òji ch'è  festa

si  non muvu  'sta  ssùglia

mangiàmu  cap' i' nduglia!

Cumi,  puru  a Natali?

'U  cori  mi fa  mali

a  ti  vida chjicàtu

tuttu  stancu  e sudatu,

senza  mancu  paròli

a  cusa  menzi soli!

Figliu,  tèniti 'mmenti

ca  chi non  tena  nnenti

da  Ddìu è  perdunatu

puru  s'ha lavuratu

'u  iurnu ch'è  cchiù billu

ch'è  natu 'u  Bambinillu!


Pasquale Filippelli


(dialetto di Cittadella del Capo)





La prima poesia pubblicata in questa sezione,   "A paranza 'i Cicciu Sueva", di Pasquale Filippelli, dialetto di Cittadella del Capo

 

La notte di Natale del 1964, a causa di un’improvvisa e fortissima tempesta, fece naufragio nella rada cittadellese, dov’era ormeggiato, il motopeschereccio “San Benedetto” di Francesco Sueva detto Ciccio, nostro compaesano ormai scomparso. I marosi erano così alti che da Messina non poterono partire natanti di soccorso. La paranza lottò per ore ed ore contro l’inaudita furia del mare, sembrava una creatura attanagliata dai flutti che non volesse perire. La mattina di Natale pochi andarono a Messa, quasi tutto il paese affollava la marina e lo stradone di San Francesco assistendo sgomento all’agonia del peschereccio. Lo sfascio totale si compì nella tarda mattinata. Così è rimasto fissato nella mia memoria quel triste giorno del Sessantaquattro:

 

‘A  paranza  i’  Cicciu  Sueva

 

Nd’ ‘u  ricurdàmu  tutti  chillu  iùrnu

ca  ‘na  paranza  è  ghiùta  allu  sfragellu

e  c’era  ‘nu  murtùriu  ‘nturnu  ‘nturnu ;

 

ndr’ ‘u  mari  ca  facìvidi  fragàsciu

‘nu  liùni  parìva  llu  battellu

mentri  l’undi  ‘u  purtàvinu  allu  sfasciu ;

 

Cicciu  si  disperava,  povarillu:

‘nu  iùrnu  ricurdàtu,  dintr’ ‘a  grutta

chiangìvidi  a  funtana  ‘u  Bambinillu

e  nùa  a  chiàngia  ppi  lla  varca  strutta .

 

 

 

La  paranza  di  Ciccio  Sueva

 

Lo ricordiamo tutti il triste giorno

che una paranza è andata allo sfracello

e regnava un mortorio intorno intorno ;

 

nel mare che faceva gran fracasso

un leone sembrava quel battello

mentre le onde menavano sconquasso ;

 

Ciccio si disperava, poverello:

una giornata veramente brutta,

piangeva nella grotta il Bambinello

la barca a pianger noi ch’era distrutta .

 

Pasquale Filippelli

 

Proseguiamo con le poesie recitate dai nostri soci nella "Lettura collettiva" del mese di giugno 2013

 

CAVALLERIZZO

 

di Mariantonia Iulianello

 

 ‘Na matina ‘e fine estate,

ad autunno incominciato,

cu nu cielo nuvoloso

e nu sole, ca d’e nuvole

esce m’pizzo,

agge juta visitanno

a città e Cavallerizzo.

 

Tutte ‘e case, ‘ngrappulate

n’coppe ‘o fianco d’a muntagna,

azzeccate ll’une a ll’autre,

comme a pecore ‘mpaurate,

n’da na brutta notte ‘e vierno,

verso ‘a valle hanno franato.

 

E mò stanno addenucchiate,

sfracelliate e sfrantumate,

songo tutte addolorate;

pure, stanno zitte e mute

aspettanno quiete quiete,

a quarcuno c’a ll’ajuta.

 

Quanno sò arrivata io,

cu li piedi scarpesanno

macchie ‘e vuosco prufumato,

marvarosa e rosmarino,

e cu ‘e mmane agge tirato

uva passa e fichi janchi,

me sò comme impossessata

d’e curone n’campusanto.

 

E cu ‘lluocchie agge frugato

nelle sacre intimità:

segge ‘e paglia, nu sofà,

na cuperta di cretonne,

nu vacile, e nu libro

e ‘ na guagliona,

miezzo apierto e spaginato,

e signata, m’pizzo ‘o lato

na strufetta nnammurata.

 

Cheste gocce e vita ‘e ll’autri,

ca mò stanno abbandunate,

io me ll’aggio trafugate:

me le sò appuntate m’pietto,

e mme pporto sempre appriesso,

per arricordarmi sempre,

che la vita, tutta quanta

è soltanto vanità.

 

“Tutto ciò che è materiale,

quanto pesa, tanto vale!”

E si pò se mette l’ali,

se sfarina all’intrasatte,

se ne fuje, e chisto è ‘o fatto,

senza manco salutà.

 

Quel che resta è il sentimento,

ch’è leggiero e nun tene niente,

accarezza le miserie

con un senso di pietà.

 

N’ce fa vivere cuntenti,

resta nell’eternità.

 

 

‘Na Pizzitana a Cusenza       

(tra confessioni e ricordi)                      

di Teresa Franzè

 

Su’ pizzitana, io,

vegnu du Pizzu,

stu paisi di mari

chi daveru ti incanda

pe’ lli bellizzi soi,

puru s’i’ ormai

mi sentu cusentina

ca su’  tand’ anni

chi staju cu vvui

‘nda stu paisi

ch’è bellu comu u suli

chi mbrazza mi pigghjau

tand’ anni fa,

quandu arrivavi

cu’ a famigghia mia

‘nda ssa Cusenza

chi, senza aspettari.

subitu m’adottau,

mi vozzi beni,

ed io m’ affizzionai.

 

 

Eppuru, cca,

dind’ a stu cori miu,

ng’è sembi u Pizzu,

u paisi miu,

duvi nescivi io

tand’anni fa,

duvi ng’è u mari,

u mari randi…

ma puru  u mariceju,

u mariceju miu

fattu… sulu di scogghi…

Eranu i “Vaschi”,

chi di sutta

guardavanu  la casa

duvi criscivi

e divendavi grandi

cu tutta quanta

la famigghia mia.

 

 

E a funtaneja…                             

chi vagnava la strata

e la scinduta,

sicuramenti,

è ancora sembi ja,

vicinu a Chiesa Matri

di San Giorgi

duvi figghiola

mi spusavi iu,

china d’amuri

pe’ llu spusu miu;

duvi ng’è ancora

a “petra campana ”

e ja, vicinu e fermu,

u povareju

chi a manu

sembi pronta

ti stendia.

 

 

E u vichiceju a scala…      

chiju chi scindi

propiu subba a “chiazza”,

u vichiceju di jassubba o “chianu”

duvi pe’ anni,

e sembi  puntuali,

a chija stessa ura di la sira,

passavanu li crapi…

na mandra di crapi, veramenti,

chi lesti lesti,

cu i campaneji a coju

sembi ‘mppisi,

jenu spediti all’atru vichiceju

vicinu a Chiesa di la Mmeculata

Passandu, dassavanu l’adduru

di chija puzza forti

chi nd’ò cori mi resta…

comu fussi daveru nu profumu.

 

 

 

Comu cangia li cosi                      

a luntananza

e u tempu chi passandu

si ndi va…

ti fa pariri nu prufumu finu

puru la puzza a pesti di li crapi !

Quanti ricordi duci…

chi grandi nustalgia

dind’ a stu cori…

tandu, chi si daveru io poterria,

arredu tornaria

nd’ a chija chiazza

chi fu  salottu

da giuvinizza mia

E, poi, u “Spunduni”

cu sutta tutta quanda

la marina…

e a “Marineja”, a rina janca, i Prangi,

la Seggiola… u Casteju, li varchi;

li lampari di sira

nda ll’acqua trimulandi di lu mari.

E i marinari,  i riti mezzi rutti,

mpingiuti e’ pali  pe’ falli rinacciari,

cu i pisci chi zumbavano

nda ll’acqua di li cati,

ancora vivi…

 

 

E chiji notti …                                

Ah…chiji notti chiari

alla Marina…

cu ‘a luna janga

chi nd’accumpagnava

mentri sembi cchiju janga

divendava

si ng’era ncunu

chi chianu ti dicia

“ti vogghju beni”,

e sulu ‘na carizza

ti facia…

A luna ianga, allura,

‘mpallidia

e sembi cchiju janga

divendava…

Di chji tembi

si scandalizzava

di ‘na carizza

chi appena ti spiorava…

Ancora chija luna,

di certu non sapia

chi ll’aspettava…

 

 

E mi ricordu,                                 

mi ricordu ancora

di quandu…

nu figghjuleju bellu du paisi,

a corti mi facia…

mi paria veramendi ‘nnamuratu

ca veramendi allura mi volia …

passandumi vicinu

non ng’era vota

chi no mi dicia:

“Pizzitaneja” “Pizzitaneja” mia

si tanda beja

chi u cori mi pigghjasti

tuttu quandu

e puru a mendi

cu tutti li penseri.

Io mi scialava

tutta quanda allura,

era cuntenta…

era figghjula…

e tutta mi sentia

comu avvambari

cu ll’occhj sembi vasci

a non guardari,

pe’ no fari vidiri la vrigogna

chi dinda tutta quanda mi pigghjava;

e, ‘ntandu, u cori,

u cori mi battia talmendi forti

chi quasi pe lla gioia

mi scoppiava.

 

 

Ma… u tembu ormai passau…  

chi dispiaciri

pe chiju tempu

chi no’ po’ turnari!

Mi dassau li ricordi

a mia cchiu cari

di chija parti di la vita mia!

Ma a chi servunu ormai

chisti ricordi!...

a chi servi ‘sta malincunia!

Certi voti ngi pensu

e’ nda stu cori

scindi na pena randi, na  tristezza,

nu chiantu dind’all’occhj

che è duluri… chi pisa…

comu’  fussi…

na petra grossa di lu mari…

di chiju mari

sutta a casa mia,

a casa janga

di chija mamma mia

chi non g’è cchiu…

chi io eppi u coraggiu di dassari

tandi, tand’anni fa’,

pe’ mai turnari…

 

 

 

         Li trizzi

 

    di Angelo Severino

 

Canusciu na carusa cu du trizzi

ca  parunu du cordi ‘i campanaru;

quannu ci vidu chisti sò  biddizzi

mi ci mettu, siccanti, a dumannari.

 

Mi fa’ tuccari ‘i trizzi,

ci  fazzu du carizzi

e adaciu adaciu ci dugnu vasuzzi.

 

Mi fa tirari i trizzi.

Na tiratina sula,

videmu su è ca sonanu daveru.

 

Ma la carusa nun mi duna cuntu;

anzi si teni stritti li so trizzi

cu li manuzzi picciriddi e ianchi

e unni voli sapiri di carizzi.

 

Su d’oru li tò trizzi

Ma senza i mè carizzi

Chidd’oru pirdirà li so biddizzi.

 

Senza l’amuri miu

Lu biunnu s’annirisci

E l’oru de’ capiddi…arrugginisci.

 

Qui sotto potete scaricare le poesie recitate dai nostri soci nella lettura collettiva del 27 gennaio 2014

Poesie_27_1_2014.pdf (1072155)

 

Qui sotto portete scaricare "I cantastorie" di Ciccio De Rose

I CANTASTORIE - di Ciccio De Rose.pdf (228063)

 

Lo scorso 20 marzo, nel salone degli specchi della provincia di Cosenza, organizzato dal "Convegno di cultura Maria Cristina di Savoia", di cui è presidente la nostra socia ordinaria Angela Gatto, si è svolta la 1° edizione del premio "Antonio Alimena", dedicato al giovane editore cosentino scomparso improvvisamente lo scorso mese di luglio. La serata, sul tema "Poesia e integrazione" ha visto la partecipazione di numerosi soci della nostra Associazione. Per gentile concessione delle Edizioni Orizzonti Meridionali pubblichiamo sul nostro sito il volume dal titolo "Poesia e Integrazione", che contiene i testi presentati in occasione del Premio.

 

Poesia e Integrazione.pdf (335452)