Notizie personali

Mario Iazzolino

Mario Iazzolino ha insegnato Lingua e Letteratura francese alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria (1978-2007). E’ autore di volumi e di articoli concernenti la letteratura comparata, la didattica della lingua e della letteratura. I suoi saggi di critica riguardano soprattutto Baudelaire, Stendhal, Camus etc. Si è interessato anche dei Viaggiatori stranieri in Calabria. Ha scritto articoli di argomenti vari; è autore di diverse prefazioni a volumi di poesie dialettali e in lingua. Ha molte recensioni all’attivo, parecchie conferenze all’Accademia Cosentina e in sodalizi di francesisti, in particolare a Catanzaro e a Lamezia Terme; ha presentato libri di narrativa ed ha curato volumi di racconti. Titoli più importanti sono: Camus e la Peste (Brenner, 1989); Jules Destrée, La Calabria, Impressioni di viaggio (Introduzione, traduzione e note di M. Iazzolino); Profili di Letteratura comparata (Rubbettino, 1998); Occasioni (Brenner, 2001). L’Illusione realista ovvero Lo sguardo deformato (Pellegrini, 2007).

 

Luigi Speciale

Luigi Speciale, il 5 febbraio del 1951, nasce nella casa dei nonni materni a Messina, città a cui è legato pur vivendo da sempre a Cosenza.
Infatti, a Cosenza è cresciuto, ha studiato, ha lavorato e formato la sua famiglia. Sensibile alla poesia, sin da giovane si è dedicato a quella che definisce “arte meravigliosa”. Scrive in versi ed in prosa, sia in lingua che in vernacolo, esprimendo così i suoi stati d’animo, le sue sensazioni, frutto di ciò che lo scenario a lui circostante evidenzia. Ha sempre dichiarato di non avere velleità letterarie ma solo voglia di concretizzare questa sua passione. Scrive favole, racconti, poesie e “Certe vote” è la sua prima raccolta organica di “versi in dialetto scritti per diletto” che ha liberato dalla riservatezza degli scaffali della sua libreria.

 

Franco Calomino

Franco Calomino è nato  nella prima metà del secolo scorso a Corso Telesio 196, in Cosenza Vecchia, dove ha vissuto fino agli anni '60. E' ingegnere e docente universitario. Con lo pseudonimo di "Franchinu 'u Funtanaru" ha pubblicato " 'Ntra Cusenza di na vota"  ( Editoriale Bios, 2001), "Stromboli"(Editoriale Bios, 2007) e " 'Ntra Cusenza 'i tiempi 'i mò" (Nuova Editoriale Bios, 2009). E' autore del testo della commedia musicale "' 'A Furtuna" (Teatro A. Rendano, Cosenza, 17 maggio 2008).

 

Ciccio De Rose

Ciccio De Rose , " cusintinu 'i mmienzu 'a vìa ", è costretto, insieme ad altri amici poeti dialettali, a far guerra all'anglofilia sempre più invadente che minaccia il nostro " parlar materno " . Un cinema, un teatro o piuttosto un luogo di cultura che abbassa la saracinesca per dare spazio a Supermercati e negozi cinesi , lo indigna e cerca, con i versi, le gocce di ribellione, inquietudine e ironia per non perdere la speranza che il miglior modo di vivere è la memoria del passato con i suoi colori, luoghi e personaggi, nostalgie e amarezze : il tutto frammisto tra rabbia e dolcezza .

Al link qui sotto le registrazioni di "Dialettando" :

www.youtube.com/telestars2011

 

Antonio Martire

Antonio Martire è nato il 26 luglio 1937 a Pedace, dove vive. E' un professore di Educazione fisica in pensione e, da sempre, cultore delle tradizioni e dei costumi pedacesi e calabresi. Scrive poesie e commedie in dialetto pedacese e racconti in lingua italiana. E' autore di documentari sulle tradizioni popolari e collabora con giornali e riviste. Ha pubblicato nel 1981 il libro di poesie "Ssa vita" e nel 1996 la commedia " 'A vijelia 'e Natale". Nel 2004 pubblica "Storie e Memorie", una raccolta di racconti che mette al centro personaggi, usi, luoghi, tradizioni, eventi del novecento, mentre nel 2006 dà alle stampe una raccolta di poesie e commedie,  "Poesie e Teatro in dialetto pedacese". Nel dicembre 2009 ha pubblicato il libro "Pedace e il calcio". In vari concorsi letterari di poesia in dialetto ha ottenuto l'assegnazione del primo premio. Una nota critica sulle sue opere in dialetto è stata inserita da Antonio Piromalli nel volume "La letteratura calabrese" pubblicato dall'Editore Pellegrini nel 1996.

Al link qui sotto "Storie e Memorie" :

www.comunepedace.it/dettaglio.asp?tip=24&sottotip=62

 

Luigi Scarpelli

Nato a Cosenza, risiede a Rende. Funzionario di banca in pensione, spende il suo tempo in Cultura, interessandosi soprattutto di Poesia e di Musica. Suoi scritti sono apparsi su diverse riviste letterarie (Cronaca di Calabria, Scrittori Calabresi, Il Letterato, L’Eco del Parnaso, Rinascita Artistica. Ausonia, La Voce Bruzia, Oggi Famiglia, Idee ecc.). Primo classificato in diversi concorsi letterari, sia di Narrativa, sia di Poesia, ha pubblicato: Sette raccolte liriche in lingua, Una, in dialetto (A Cusenza ‘i na vota ccussì parravanu Patrima e Mamma - Presentazione del Prof.M.Iazzolino)

 

Ferruccio Greco

E' nato e risiede a Cerisano (Cosenza). Docente in pensione, ha dedicato la sua vita all’educazione di più generazioni di alunni. Ha vissuto la guerra e la sua adolescenza è trascorsa tra privazioni e sacrifici. Tuttavia, è legato ai ricordi del passato al quale continuamente si rivolge per rivivere gli affetti e i rapporti umani, valori che oggi appaiono sopiti e che lo immalinconiscono. Apprezza comunque il presente, ne coglie l’essenza e la trasporta nelle sue composizioni pervase da un’ironia che nel lettore suscita tanta ilarità e tante riflessioni. Ha vinto il premio “Oscar della poesia vernacolare”, Paterno Calabro (2009). E’ autore della raccolta di poesie “Cose mie” (1997) e “ U Campanile” (2009).

 

Attilio Romano

Attilio Romano è nato a Paola il 28.07.1935, dove vive. Collaboratore di giornali e riviste, già corrispondente della RAI, ha al suo attivo diverse pubblicazioni, tra cui : Allu vientu ‘i San ‘Mpranciscu (poesie in dialetto), 1965; Poesie calabresi (dialetto), 1977; Una voce tra le stelle (liriche in lingua), 1978; ‘U Santu nuostu (recital in lingua, dialetto e canti musicati da Vincenzo Perugini), 1991; Mimi Calabresi (racconti), 1999; I Cordigeri di San Francesco (racconti di vita), 2000. Bibliografia : Caterina Provenzano : L’opera letteraria di Attilio Romano (ed. Progetto 2000, Cosenza), 2010. Particolare successo hanno avuto recentemente in Canada (Toronto e dintorni) e in Australia (Melbourne) i suoi canti su S. Francesco da Paola portati in tournée dal soprano Cesira Frangella accompagnata dal M° Aldo Pietramala. E’ iscritto alla SIAE.

 

 

Francesco Pallone

Nato a Mangone (CS) il 29-5-1935, ingegnere, già docente, direttore d’azienda e con varie esperienze professionali alle spalle; ora in pensione. Istintivamente portato alla pittura, alla poesia, incoraggiato in famiglia anche alla musica ed a forme di manualità sotto la guida paterna poi sfociata nella liuteria con il fratello Giuseppe che ha avuto la guida del celebre liutaio Vincenzo De Bonis. Nel 1993 pubblica la prima raccolta di poesie in vernacolo, Ritrovarsi, Calabria Letteraria Editrice, Rubbettino, con disegni a punta di penna e musiche; nel 2008 la seconda raccolta di poesie, disegni e musiche, I discursi da vrascera, collana Memoria, Nuova Editoriale Bios.


Sergio Chiatto

Sergio Chiatto (dottore in scienze economiche e sociali - deputato di storia patria per la Calabria) è nato il 19 marzo 1948 a Cosenza dove ha abitato e svolto tutto il suo percorso di studi laureandosi presso l'UniCal, con la particolarità di essere stato il primo studente in assoluto ad addottorarvisi. Sposato e padre di due figlie, risiede attualmente in Castrolibero.
Appartenente ad una famiglia di educatori, dopo una breve parentesi di insegnamento nella scuola media, ha lavorato, a lungo, da "Quadro direttivo", alle dipendenze di Banca Carime (già Cassa di Risparmio di Calabria e di Lucania, dove era stato assunto a seguito di concorso pubblico per esami), prestando servizio nella sua città natale e, per alcuni anni, ad Amantea, prima di essere collocato in quiescenza. Rotariano e molto incline all'associazionismo, è membro di altri prestigiosi sodalizi, quali l'Accademia Cosentina, l'Istituto calabrese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea, l'Istituto per gli studi storici di Cosenza e, quale cultore del dialetto calabrese, della nostra Associazione, da socio ordinario e componente il comitato direttivo. Relatore in diversi convegni, è autore di alcuni saggi pubblicati in volumi e di numerosi articoli di stampa, avendo collaborato con varie testate giornalistiche regionali. Ha scritto e scrive su argomenti di storia moderna e contemporanea riguardanti la Calabria innanzitutto, nonché di Rotary, ma non ha disdegnato, in passato, quelli di contenuto sportivo, essendo stato un protagonista del calcio locale, provinciale e regionale, da dirigente e allenatore di squadre giovanili e dilettantistiche affiliate alla F.I.G.C., fra gli anni 1966 - 1982. Numerosi i premi conferitigli da Enti e associazioni per i suoi meriti culturali, fra i quali quelli dei Comuni di Cosenza, Amantea e Lago. Molteplici quelli sportivi. In ambito rotariano, nel quale ha ricoperto e ricopre incarichi dirigenziali e fiduciari, fungendo sovente da conferenziere in eventi distrettuali e di club, ha ottenuto quattro onorificenze "P.H.F." ed altri importanti riconoscimenti.